[Lockdown e peli superflui: paradiso o inferno?]

Scritto il 28 Maggio 2020 by Alessandra Cerato
 0 commenti

 

I peli superflui sono sempre stato un problema per le donne di ogni generazione e di ogni età.

I media ormai da oltre 30 anni ci ricordano che la donna deve avere la pelle uniforme, liscia e senza imperfezioni. I peli invece creano ruvidità, macchie, piccole o grandi imperfezioni.

 

Creano ruvidità al tatto e insieme una specie di attenzione come quando si cerca di toccare un riccio o una rosa. La persona che si avvicina, dopo il primo tocco poco piacevole, diventa infatti diffidente, perchè l’effetto granuloso, ispido, grossolano sicuramente non crea né un’immagine né una sensazione positiva.

Non li crea negli altri, ma non li crea soprattutto su te stessa.

Quando ti tocchi la pelle ruvida, ispida, imperfetta, cosa pensi? Che sensazione hai?

Di piacere? Senti la morbidezza, l’elasticità, la perfezione? Come quando tocchi un tessuto di seta?

oppure

Di fastidio? Senti la rigidità, la durezza, la ruvidità? Come quando tocchi un pezzetto di carta vetro?

 

Avere i peli significa infatti avere un difetto che può creare da solo tantissimi svantaggi. A parte l’imperfezione della pelle e dei tessuti, spesso i problemi sono ben più gravi come ad esempio peli incarniti, follicolite, macchie, irsutismo, ipertricosi ecc ecc.

Proprio per questo che i peli sono uno degli inestetismi più odiati dalle donne di tutto il mondo.

Rendono la donna meno piacevole, meno attraente e soprattutto meno femminile.

Perchè nell’immaginario collettivo il pelo ci porta insindacabilmente a pensare al mondo maschile.

Una donna con i peli si sente inevitabilmente imperfetta e molto simile ad un uomo.

 

Queste sensazioni purtroppo sono state ampliate dagli eventi in corso in ultimi questi mesi. I peli sono diventi il problema numero uno di molte donne, non solo in Italia, ma nel mondo. Perchè questa pandemia stavolta non ha risparmiato proprio nessuno.

Neanche i peli si sono risparmiati. Anzi, sono cresciuti a dismisura, forse peggio dei capelli e sono diventati un problema enorme.

 

Se eri abituata a toglierli con la ceretta, non voglio pensare al disagio di questi mesi.

Se eri abituata al rasoio, avrai notato ancora di più la velocità di crescita.

Se eri abituata al SilkEpil avrai notato quanti peli incarniti e imperfezioni ti crea soprattutto quando inizi ad essere meno vestita e prendi il sole.

 

Peli, peli e peli ovunque. Un inferno.

Almeno questo è ciò che mi hanno raccontato le mie clienti durante il lockdown.

Alcune clienti.

 

Perchè altre invece non ci hanno mai minimamente pensato. E come mai?

Tantissime ragazze NON hanno avuto neanche il pensiero dei peli superflui. Mai.

Hanno vissuto questo periodo senza il chiodo fisso dei peli superflui e davvero si sono sentite in paradiso.

Nessun pelo, un grande sospiro di sollievo e un grande ringraziamento a se stesse per aver scelto il programma di epilazione permanente garantito a vita di LISCE PER SEMPRE.

 

Guarda qui:

 

 

 

 

 

 

Dimmi la verità…

Hai pensato che i peli non li vuoi più vedere? Che vuoi risolvere per sempre il tuo problema? Che se ti capitasse un’altra volta una situazione così non vuoi farti trovare impreparata e soprattutto non vuoi mai più trovarti mai più con tutti quei peli ovunque?

Bene, è arrivato il tuo momento di entrare nel Mondo delle Lisce Per Sempre. Il Paradiso.

Un Mondo dove le donne sono libere per sempre dai peli superflui e da ogni imperfezione. Il Paradiso ti meriti. Quest’anno ancora di più.

 

*****************************

Sei stufa di ceretta, lametta, peli incarniti e vuoi liberarti dell’ossessione dei peli?

Scegli LISCE PER SEMPRE, il primo metodo di Epilazione Permanente Garantita a Vita

👉 Ottieni una pelle liscia per sempre, garantita a vita. Richiedi OGGI una CONSULENZA PERSONALIZZATA GRATUITA ON LINE

 

Ti aspetto
Alessandra Cerato
La tua consulente di bellezza

Epil Expert del metodo Lisce Per Sempre
***************************** 

Tags:

Nessun commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *