[PINZETTA sotto l’ombrellone? No grazie] La storia di Sonia, la ragazza che si ritrova in SPIAGGIA piena di peli e che si spinzetta sullo sdraio in mezzo a GERMI e BATTERI pericolosissimi per la sua salute

 

Sonia è una ragazza di 17 anni, carina, alla moda. Ha finito la scuola e la mamma le ha promesso anche un regalo.

Le piace comprarsi vestiti, scarpe e borse e visto che ha ottimi voti a scuola i suoi genitori non possono certo dirle di no quando chiede qualcosa. In più poverina, dopo anni, ha appena tolto il secondo apparecchio per i denti (vuoi mica che una ragazza carina come lei abbia i denti storti, si parla ovviamente di apparecchio invisibile, mica di quelli orribili di ferro sia chiaro).

Vuoi che la ragazza sia senza un I-Phone nuovo? Come può chattare, connettersi e guardare gli youtuber più famosi senza un I-Phone di ultima generazione? E soprattutto senza un paio di cuffie Sony rosa? Che non sia mai…

Tra l’altro le servirebbero pure un paio Superstar nuove e dei tacchi per andare a ballare, una borsetta nuova possibilmente di Micheal Kors e due o tre costumi per le vacanze.

Si perché dopo le vacanze noiose con i genitori andrà finalmente in vacanza anche con le amiche.

Come regalo per la promozione chiede lo scooter nuovo perché quello vecchio di suo fratello ormai è brutto, arrugginito, forse anche un po’ insicuro (poi quello bianco e rosso della sua amica è davvero strepitoso). Non si può certo continuare a farla andare in giro così e quindi mamma e papà concordano che sicuramente il regalo che ha chiesto è adatto e soprattutto necessario.

Perfetto. Scooter nuovo acquistato

Sonia per l’estate sarà molto occupata perché devi dividersi tra lo stage di danza, il corso di perfezionamento di Inglese, la settimana intensiva di tennis, qualche ora dedicata a qualche lavoretto in casa, i compiti e le settimane di vacanza.

Andrà subito con mamma e il fratellino più piccolo al mare e insieme per fortuna può venire anche la sua amica del cuore.

Prima di partire la mamma l’ha accompagnata dall’estetista per togliersi i peli (quelli che Sonia ha terribilmente maltrattato per tutto l’inverno di nascosto da sua mamma).

Sonia, sempre di nascosto, ha tagliato i peli molto spesso con la lametta e a volte ha usato pure l’epilatore.

Sua mamma l’ha portata qualche volta a fare la ceretta durante l’inverno, ma le necessità di Sonia di avere la pelle senza peli erano diverse, Sonia volova essere liscia sempre, non solo una volta ogni tanto. E così ci pensava da sola come poteva.

Le sue gambe ora sono un susseguirsi di peli tagliati, peli lunghi e peli incarniti. Insomma una macedonia incredibile con sotto una pelle tutta a macchie e per niente uniforme.

Per il mare ha avuto tempo di comprarsi 2 costumi nuovi, un paio di infradito, quelli con il brillantino e la busta impermeabile per il cellulare e pensa che alla ricrescita dei peli ci penserà laggiù.

 

Sonia passa molto tempo sotto l’ombrellone con la sua amica del cuore.

La mamma nota che si spostano poco e non fanno il bagno cosi spesso. Le vede sempre lì concentrate sul telefono oppure che si guardano smalto, unghie e peli.

Eh sì perché anche la sua amica è messa come Sonia, ha peli incarniti, inguine con pustole e la pelle tutta macchiata e ruvida.

Cosi invece di godersi il mare, passano la giornata a vergognarsi e a togliersi i peli incarniti con la pinzetta.

Loro pensano di passere inosservate, ma la gente le vede che si tormentano in continuazione. Anche la mamma le vede, ma a quell’età cosa vuoi dire loro?

 

In verità chi ha il vizio di usare la pinzetta lo fa dappertutto, a casa davanti allo specchio, in giardino, sulla coperta in montagna e sullo sdraio al mare. E’ praticamente un’ossessione. Non si muovono senza la pinzetta e quando la dimenticano sono guai.

 

Ma c’è un problema a cui nessuno pensa.

La pinzetta è il più grande portatore di germi che esista sulla terra.

  • Tutti la usano, nessuno la disinfetta.
  • Tutti la appoggiano da qualche parte, nessuno la pulisce
  • Tutti la scambiano con altre persone, nessuno la igienizza.

Usare la pinzetta oltre ad essere un sistema che stimola tantissimo la crescita del pelo (ne sanno qualcosa le donne che causano tutti i giorni sotto il mento) è davvero molto pericoloso.

 

I rischi di infezioni sono davvero altissimi. Bisogna evitare assolutamente di:

  1. Scambiarsi la pinzetta tra 2 o più persone (vi ricordo che i peli incarniti spesso sanguinano).
  2. Usare la pinzetta in luoghi pubblici (il posto peggiore è appunto in spiaggia dove la sabbia è piena di batteri) dove la la ferita aperta o il follicolo aperto sono esposti ai germi più pericolosi.
  3. Lasciare la pinzetta incustodita in armadietti del bagno pieni di polvere, borse che si portano dappertutto, astucci con vecchi trucchi anch’essi pieni di microbi e virus.

 

Tornando a Sonia, dopo alcuni giorni inizia a sentirsi un po’ di febbre e ad avere una caviglia un po’ gonfia. Per sicurezza la mamma la porta in infermeria sulla spiaggia. Il medico la visita e si accorge che dietro sul polpaccio ha un grosso foruncolo incanto ed infettato. Niente di grave, ma deve prendere l’antibiotico perché l’infezione si è propagata velocemente e la caviglia gonfia è pericolosa.
Ovviamente non può prendere i sole e fare il bagno…la vacanza è rovinata.

Sonia ha ancora la gamba gonfia dopo 1 settimana e ha anche tutti i peli che spuntano perché ora non può depilarsi. Un vero incubo per una ragazzina di 17 anni. In più cosa ancora più tragica…non potrà andare al mare con le sue amiche perché sta ancora prendendo gli antibiotici.

 

Diciamo che forse pensandoci prima la mamma avrebbe potuto evitarle questa tortura.

Non è che sua mamma non volesse risolverle il suo problema di peli.

Semplicemente aveva pensato ad un sacco di altre sue necessità (denti, vestiti, borse, scarpe, scooter, telefono), ma non aveva pensato a risolverle per sempre il problema dei peli superflui e così ora le ragazza si ritrova con un sacco di oggetti, scarpe, borse, costumi che magari non erano davvero necessari, ma con il problema di peli che ancora la assilla.

 

E tu?

  • Vuoi continuare a pensare che gli altri non ti vedono quando ti togli quel pelo incarnito all’inguine sotto l’ombrellone?
  • Vuoi rischiare di contrarre un’infezione seria?
  • Vuoi ritrovarti in spiaggia piena di peli superflui?

 

Oppure vuoi avere la pelle liscia e non vergognarti sotto l’ombrellone? Stare in relax e non doverti portare sempre la pinzetta con te?

Se vuoi davvero eliminare tutti i rischi e il problemi di peli la soluzione c’è ed è davvero efficace.

Da 20 anni ormai l’epilazione permanente del Metodo Lisce Per Sempre risolve entrambi questi problemi e ti rende libera per sempre.

Inoltre il Metodo Lisce Per Sempre ha un programma studiato apposta per le ragazze giovani da 16 anni in poi, creato apposta per loro, per la loro pelle delicata e per il loro inestetismo.

 

*****************************
Sei stufa di ceretta, lametta, peli incarniti e vuoi liberarti dell’ossessione dei peli?

👉 Ottieni una pelle liscia per sempre, garantita a vita. Richiedi OGGI una CONSULENZA PERSONALIZZATA GRATUITA
.
Oppure vieni direttamente presso Estetica Donna,
ci trovi a ➡️ Centallo (CN) in Via Ospedale 45
.
Tel ➡️ 0171/211458
.
Ti aspetto
Alessandra Cerato

Epil Expert del metodo Lisce Per Sempre
*****************************

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su